MIDNIGHT

Mezzanotte ormai
sospiri e lamenti si fondono nella fresca oscurità
il sangue pulsa nelle vene
impressioni di nostalgia e malinconia
mentre osservo la tua foto

Mezzanotte ormai
i miei sogni
sono stati accarezzati da un battito d'ali
soffiati via dalla Luna,capricciosa
Seduto sulla sedia
conto le gocce di sudore
bagnare la mia pelle
ardere sul cuore
ed evaporare nell'aria
fresca nell'oscurità

Mezzanotte ormai
sento il suono della chitarra,
in lontananza...
le mani stringono la foto
cercando il tuo sguardo...

Nella notte fredda passata
Lui ha alzato la mano
benedicendo,tremando
ed il tempo si è fermato
strappando via la tua linfa...
volavi via sulle ali di una colomba nera

Mezzanotte ormai
non c'è più nulla a cui pensare
non c'è più nulla da fare
seduto sulla sedia
suono le corde di questa chitarra
sommessamente,canto...
al ritmo del mio cuore
al ritmo del mio cuore
al ritmo del mio cuore

Ho chiuso gli occhi...
mi sono seduto al Suo tavolo
sguardi alle finestre
profumo d'incenso
pareti ghiacciate e calde...
dalla stanza vicino
stavi cantando,sommessamente
al ritmo del mio cuore
al ritmo del mio cuore
al ritmo del mio cuore





3 commenti:

Paola ha detto...

Wowowowow!!!
Direi che il ritorno è eccellente!!!
Ciao Luca bentornato!!!
Che piacerone rileggerti... come stai???
Spero bene!!!
Ti lascio una splendida giornata con un abbraccio grande!!!

Vele/Ivy ha detto...

Bentornato!!
Molto notturna questa poesia, mi piace!

Ishtar ha detto...

Ben tornato! io ormai sono più su facebook, che sinceramente non mi piaceva, invece devo dire che mi sono ricreduto, ogni tanto passo a levare le ragnatele nel mio blog...ma molto più raramente, ora pure per me il tempo è minore, sempre intenso e particolare quello che scrivi, buona giornata, un abbraccio