OFFRE LA CASA




Puntuale,ogni sera arrivo con la vecchia carretta sgangherata,giro la chiavetta,con uno sbuffo mi saluta...scendo,butto la solita sigaretta...potrebbe essere pura routine però è un pò come la prima volta...alzo la saracinesca,accendo qualche luce...Arriva Lucy,piccola,dolce ma così determinata...se avessi una figlia la vorrei come lei:mi aiuta a preparare il bancone,i tavoli,le sedie,tutto quel che occorre...il banco...centro del mio mondo...quanti bicchieri ha sopportato,quante persone,ognuna con la propria storia...E' quasi l'ora,accendo le luci,il mio piccolo grande compagno prende vita,la ciliegina è accendere l'insegna...Ci posizioniamo,io dietro lei nella sala,arredata con tavoli di legno piccoli e graziosi,ricoperti da tovaglie di stoffa rossa,le poltroncine un pò più appartate,su ognuno una piccola lampada con stampata una chitarra.Appese alle pareti foto di Buddy,John Lee,Jerry Lee e ancora Janis,Jim(la sua voce..),Jimi,T-Bone,Solomon,Muddy...Stacy arriva per prima accompagnata da suo marito Stan,tutti belli tirati,è fine settimana,un aperitivo e poi via a cazzeggiare...Johnny il tenero,innamorato cotto di una bella biondina che non lo caga a morire,tutta impettita sorseggia birra assieme ai suoi amici,tra poco andranno a festeggiare tra qualche miglio lungo la spiaggia...nel solito tavolo Mary Lou,per me "contessa" per via del suo portamento,le sigarette fini,il bloody mary,elegante senza strafare,sicura senza ostentare...Ogni sera del Venerdì è qui,non so da dove venga cosa fà,però è molto attraente,specialmente quando mi lancia sorrisetti complici verso quacuno nel locale...Jack potrebbe essere un personaggio uscito da un romanzo,l'abito,il capello,quando piove l'impermeabile,manco a dirlo è un detective,penserete stile Marlowe?No,più sfigato,il suo ufficio è la cabina telefonica all'angolo,quasi sempre al verde,è stato appiedato dalla moglie col primo che passava,cioè il suo socio,ex socio oramai...è un pò che non ha casi seri,si arrangia con pedinamenti di qualcuno che va a puttane,per poi mandare a puttane il matrimonio ed il conto in banca...Le mie dolci amiche,gentili e carine,portano sempre dei nuovi clienti,i loro insomma...La musica gira,stò dietro il banco ed osservo...molti entrano per la prima volta,qualcuno ritornerà,altri no...nelle poltroncine più appartate delle coppie,si raccontano l'uno all'altra,qualcuno si bacia,altri litigano terminando più innamorati di prima oppure,tra le lacrime dicendosi addio...allora esco dal banco,il prossimo giro lo offre la casa...io ed il mio locale andiamo avanti da un bel pò,a volte qualcuno esagera ma con l'aiuto del Signore e della mia amica sempre pronta sotto il banco,tutto si risolve...Cari amici questo è il mio mondo,il mio locale,i miei ospiti,la mia Lucy...se passate da queste parti venitemi a trovare,vi aspetto...tranquilli,il primo giro lo offre la casa...

6 commenti:

lasettimaonda ha detto...

Eh Luca....gatti da me non ci possono stare....nemmeno randagi di passaggio....i tre bestioni non li sopportano!
In compenso gli uccellini non cinguettano, si sgolano!
E poi c'è Pippi che da buon vecchio dobermann, pigola ad ogni minima necessità!Un bel conce
rtino!Domani comprerò i fiori, se non viene a piovere...speriamo!
Un saluto!

Odeline ha detto...

Ogni cosa che scrivi è melodiosa.

parolearia ha detto...

Bellissimo questo racconto, pieno di emozione libera!

DUBBAFETTA ha detto...

respiro dalle tue pagine e mi disseto di tutto quello che offri, ma pagherei lo stesso senza problemi :-)

Laura ha detto...

da barista e cameriera veterana posso dire che mi sembrava di leggere i miei pensieri... buon weekend. laura.

Laura ha detto...

si ti ringrazio, mi farebbe piacere! grazie per avermi dedicato dei tuoi pensieri... a presto! laura